Magliette dipinte a mano

Kierkegaard

38149395_2017366638307338_2979393339784167424_o

“La felicità è una porta che si apre dall’interno: per aprirla bisogna umilmente fare un passo indietro”, così dice Kierkegaard, contemplando la vita mentre ti fissa con i suoi occhioni profondi.
Vuole smuovere dentro di te la forza di alzarti e scoprire le cose che non sai di te e del mondo, vuole renderti complice dei suoi dubbi esistenziali e contemplare con te l’orizzonte infinito.
Con questa T-shirt potrai portarti dietro un po’ di filosofia per non smettere mai di porti domande e di meravigliarti:
Potrai portare con te un po’ di Schopenhauer o un po’ di Nietzsche, ma anche un po’ di Kant o un pizzico di Leibniz.
Scegli tu il tuo filosofo e una citazione da sfoggiare!
Che il Pensiero sia con te!

38924317_2033722363338432_8297706468879106048_o

Nome T-shirt: “Kierkegaard”;
Pittura utilizzata (resistente al lavaggio): Setacolor opaque black;
Tessuto maglietta: cotone;

(Se anche tu vuoi una T-shirt con Kierkegaard o con un altro filosofo (o per una T-shirt personalizzata) contattami in privato sui social o manda una mail a derizzo.arianna@gmail.com)

PUOI TROVARMI ANCHE QUI:
Il mio canale Youtube: https://www.youtube.com/channe…
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/ary.derizzo
Il mio Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1165167436922446/
Account Twitter: https://twitter.com/aryderizzo
Instagram: https://www.instagram.com/aryderizzo

Magliette dipinte a mano

Bojack Horseman – WHISKEY

Perché ho scelto di dipingere quel farabutto di Bojack Horseman? Perché indossarlo?
Capita a tutti, almeno una volta nella vita, di sentirsi inondati da un vuoto esistenziale, quel tipo di vuoto che ti porta a odiare te stesso al punto da volerti riempire di Whiskey tutta la notte piuttosto che fermarti a ragionare un momento su come migliorare la tua vita.
Per fortuna questi momenti passano, e per esorcizzare il loro ritorno c’è qui l’Odiatore e Pessimista per eccellenza.
Bojack non solo si dispera al posto tuo, ma sfoga anche la negatività e la misantropia per te.
Con questa T-shirt riuscirai a sostenere conversazioni idiote, pranzi e cene coi parenti, discussioni superficiali nonché le classiche domande sulla tua vita, sul tuo lavoro, sui tuoi studi: Bojack è il catalizzatore di bastardaggine che fa per te, lascia che sia lui a insultare tutti e tu a divertirti a degustare alcolici.

IMG_6096

Nome T-shirt: “Bojack Horseman – WHISKEY”
Colore: Setacolor opaque white
Tessuto: cotone

(per ordinare la tua t-shirt, per una t-shirt personalizzata, o per ulteriori informazioni scrivimi all’e-mail: derizzo.arianna@gmail.com)

I MIEI SOCIAL
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/ary.derizzo
Il mio Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1165167436922446/
Account Twitter: https://twitter.com/aryderizzo
Instagram: https://www.instagram.com/aryderizzo

I miei video!

L’Arte di Egon Schiele

“Si usano gli specchi per guardarsi il viso, e si usa l’arte per guardarsi l’anima.”
(George Bernard Shaw)
“L’arte ci consente di trovare noi stessi e di perdere noi stessi nello stesso momento.”
(Thomas Merton)
“L’arte deve confortare il disturbato e disturbare il comodo.”
(Banksy)

“Ciao a tutti ragazzi e bentornati sul mio blog!
Oggi ho scelto di rivelarvi il mio artista preferito in assoluto: un espressionista austriaco nato nel 1890, pupillo di Klimt, dalla vita breve e malinconica riempita tutta con l’intensità e la passione per l’arte: Egon Schiele.

Il primo impatto che si ha con le figure muscoli e ossa di Egon Schiele è una sensazione di disagio, di sinistra inquietudine che ci mostra come il viaggio nell’anatomia dei suoi quadri potrà cambiarci e potrà cambiare l’esperienza che abbiamo di noi stessi.

Egon_Schiele_020

Proprio per questo Schiele non è per tutti.
E’ l’incontro perfetto fra psicologia e pittura, lo scontro con dei traumi della propria personalità che magari non si vogliono accettare o che non si conoscevano nemmeno.

Egon_Schiele

E’ un’esperienza inusuale questa perché lo stesso viaggio che fa lo spettatore, l’ha fatto e continuerà a farlo lo stesso Egon Schiele attraverso le sue pennellate.

Selbstbildnis
schiele.portrait-black-vase

Siamo di fronte alla fusione fra arte e persona, fra un lato della medaglia che dipinge l’altro e viceversa. Egon Schiele è un artista che si costruisce man mano che l’opera prende vita.
Ed è così che la tela prende il posto dello specchio.

Egon-Schiele-Kneeling-Nude-with-Raised-Hands-1910-Left-Nude-Self-Portrait-in-Grey-with-Open-Mouth-1910-Right

Di fronte ad essa non possiamo che rabbrividire, incuriosirci, spaventarci, meravigliarci, di tutto ciò che non sapevamo di essere.

Schiele, Wally in Red Blouse 1913.jpg

1024px-Egon_Schiele_-_Totes_Mädchen_-_1910

Dentro le opere di Schiele c’è lo spettro stesso della esistenza umana, della sessualità, promiscua o repressa che sia.
E’ l’esperienza di un corpo da percorrere in ogni senso.

Dentro le opere di Schiele

Egon_Schiele_043

Ma la cosa che più sorprende dei soggetti di Schiele è il modo in cui li dipinge.
Dall’anatomia bislacca e bizzarra, che sembra sottintendere una lotta interiore che si riflette sul corpo. Un’anatomia apparentemente impossibile, tutta contorta, in posizioni scomode e circondate da un aura di deperimento meccanico.

L’aggressiva spigolosità dei movimenti si contrappone ai costanti vuoti che Egon lascia lì, abbandonati a loro stessi, come le costanti mancanze che avvertiamo nel nostro profondo.

Mancanze che Schiele rende finalmente visibili, proprio come la pelle dalle molteplici impronte.
Essa è sporcata dai tocchi, dalle  ferite, e dalle avventure che si accumulano giorno dopo giorno nelle nostre vite.
Impronte invisibili nella realtà degli altri, ma vivissime dentro di noi.

Impronte che per Egon rappresentavano una vita composta di traumi e tristezza, ma che riflettevano anche l’anima della Secessione Viennese, una possibilità per gli artisti, di un’arte che rappresentasse l’epoca, travolta dal tumulto dei cambiamenti.

27 - DG2015_58_prov_

Ed è proprio grazie a queste impronte che i personaggi di Schiele sono così attaccati alla vita, sempre sull’orlo di una nevrosi, sempre alla ricerca di un nuovo baratro al quale sfuggire, a una nuova mente affollata da svuotare.
I quadri di Schiele sono lo sguardo oltre l’apparenza di tutti i giorni.

i personaggi di Schiele sono così attaccati alla vita, sempre sull'orlo di una nevrosi,

612-image-1600-1600-fit

I soggetti di Schiele non hanno occhi, ma sono Occhi. Sono sguardi nostalgici e melanconici che si lanciano oltre la finestra della propria percezione, nel vuoto della massa.

Egon_Schiele_050

in una società tutta ammucchiata, basata sul confronto e sulle relazioni, Schiele mostra l’altro, colui che si esclude, per mettersi alla sola ricerca di se stesso.

E’ un’isolazione che mette a disagio chi la guarda sebbene colui che la abita si senta a casa.

E' un' isolazione che mette a disagio chi la guarda sebbene colui che la abita si senta a casa.
39088_600x250_c

Gli occhi sono calmi mentre il corpo scalpita e si contorce, mostrando il potenziale di ogni muscolo, lembo di carne, per ricordarci che vive ancora, che nonostante tutto sente ancora il battito del proprio cuore, e questo è un pensiero incoraggiante.

mostrando il potenziale di ogni muscolo, lembo di carne, per ricordarci che vive ancora, che nonostante tutto sente ancora il battito del proprio cuore, e questo è un pensiero incoraggiante.jpg

Se volete approfondire l’arte di Egon Schiele vi consiglio di acquistare il suo “Diario dal Carcere”, il suo “Ritratto d’artista” e una sua raccolta di disegni e acquerelli.

Ricordatevi di condividere questo articolo se vi è piaciuto, di iscrivervi se non l’avete ancora fatto e se nei prossimi video volete sentirmi parlare di qualche particolare artista scrivetemelo qui sotto in un commento!

Ci vediamo al prossimo artista!

I MIEI SOCIAL
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/ary.derizzo
Il mio Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1165167436922446/
Account Twitter: https://twitter.com/aryderizzo
Instagram: https://www.instagram.com/aryderizzo